Acquisti online, nuovi diritti a protezione dei consumatori

Acquisti online, nuovi diritti a protezione dei consumatori

Nei 28 Stati membri dell’UE sono entrati in vigore nel mese di dicembre i nuovi diritti per i consumatori grazie ai quali i 570 milioni di europei potranno fare acquisti con più sicurezza, online o nei negozi.

Si tratta della direttiva 2011/83 sui diritti dei consumatori che prevede maggiori informazioni precontrattuali per i consumatori in tutti i tipi di contratto di consumo e in particolare nei contratti a distanza e negoziati al di fuori dei locali commerciali. In questo modo, il provvedimento consente a ciascun consumatore di operare una scelta consapevole quando procede ad un acquisto e ai professionisti di poter operare in maniera più trasparente e funzionale sia nel mercato interno che in quello transfrontaliero.

Le nuove regole stabiliscono un termine di 14 giorni per restituire la merce se, per qualsiasi ragione, si cambia idea dopo aver effettuato un acquisto online, per telefono o per corrispondenza. Il periodo di ripensamento si applica a tutta l’Unione Europea.

I commercianti devono poi restituire il denaro – incluse le spese di consegna – entro 14 giorni dalla cancellazione dell’ordine. I rivenditori che intendono addebitare ai clienti i costi della restituzione della merce in caso di ripensamento, devono specificarlo chiaramente e in anticipo.

I consumatori saranno protetti meglio anche quando annullano un acquisto effettuato a casa dopo la visita di un rivenditore o ad aste online.

Sarà vietato l’uso di caselle preselezionate sui siti web: per esempio, quando si compra un biglietto aereo, non si correrà il rischio di acquistare involontariamente anche un’assicurazione per il viaggio. Finora, per non acquistare i servizi extra bisognava deselezionare le caselle preselezionate.

I rivenditori dovranno indicare chiaramente il costo totale dei prodotti e servizi. Non potranno addebitare sovrattasse o costi aggiuntivi se non li hanno specificati prima dell’ordine.

Si applicherà un massimale per le sovrattasse in caso di pagamento con carta di credito. I commercianti non potranno addebitare ai consumatori più dei costi che loro stessi devono sostenere per offrire questo sistema di pagamento.

Anche restare a lungo in attesa quando si chiama un numero a pagamento sarà solo un ricordo: le nuove regole vietano agli operatori di queste linee telefoniche di applicare tariffe superiori a quelle di base per le normali chiamate.

Il nuovo pacchetto di diritti dei consumatori, che sostituisce quattro direttive, è stato concordato nel 2011. I paesi dell’UE avevano tempo fino a dicembre 2013 per recepire il nuovo testo nella loro legislazione nazionale.

In Italia, il decreto legislativo di recepimento della direttiva è stato adottato dal Consiglio dei Ministri il 3 dicembre 2013 ed è ora all’esame della Camera dei Deputati.

MAGGIORI INFORMAZIONI

Share Button
0 0 1985 07 gennaio, 2014 UE - Cittadini gennaio 7, 2014

Facebook Comments